cucina di Provenza, alimentari tipici,

 Alimentari tipici,Francia, specialità provençales, cucina francese di Provenza, specialità provençales della regione cote d’azur, PACA, prodoti alimentari tipici di l’ Ardèche Drome, Hautes Alpes, Gard, Vaucluse, Alpes de Haute Provence, Bouches del Rodano, Var e Alpi marittime che compongono la regione PROVENZA. Da Marsiglia, a Nizza, gusterete i pastis, vasi, tapenade, aioli, bouillabaisse, bourride, oli d’ oliva, nougats, calissons, liquori, formaggi di capre, miele, ecc.

…questo testo è tradotto da Internet degli errori sono possibile. Grazie di scusarli. Le sterline vendute sono tradotte da professionisti di ogni paese senza errore. —

-In Gard:
il pélardon formaggio di capre, cipolle dolci delle cevennes, olive ed il suo olio di nimes,
la carne di toro di camargue,
riso di Camargue,
fragole Gariguette,
mele renetta del Vigan,
asparagi Célestine o asparagi delle sabbie,
tartufi o chiamato il diamante nero,
fiore di sale di Camargue, fichi.

 

guide_pierrette_it.jpgSenza dimenticare i vini coste del Rodano, Costières di Nîmes, chiaretta di Bellegarde, pendenze di Vivarais, pendenze del Languedoc.

 Nel Var:
(nelle città di draguignan, santa maxime, canna, brignolles, santo tropez, toulon, hyères, e d’ altri) gusterete …..

il miele di lavanda di Provenza.,
il fico  » Il fico viola di Sollies » ,
l’ Olio d’ Oliva di Provenza,
il tartufo, le castagne,

Su 130 kms, la strada del mimosa (portato dagli inglesi in 1850 che l’ li aveva importati stessi d’ Australia). Gli 8 comuni della strada del Mimosa: Bormes Mimosas, le Rayol-Canadel, sainte Maxime, Saint-Raphaël, Mandelieu -La Napoule, Tanneron, Pégomas, grasse.

parte la vigna: le coste di Provenza, Côteaux Varois in Provenza, pendenze d’ Aix in Provenza, Bandol, senza dimenticare i numerosi vini di paese del Var. I fiori: si coltiva anche la rosa, l’ Anemone ed il renoncule.

Nel Drome:

pesche, nettarine, nettarine, aglio,
l’ agnello del Drome è una carne di qualità, la giovane faraona del Drome è un approccio della faraona. Le quaglie sono proposte ai frammenti dei ristoranti, molto d’ allevamento nel dipartimento. Signora de Sévigné gradiva mangiare la quaglia in occasione dei suoi soggiorni al castello di Grignan.
Il capretto è una specialità del paese di Bourdeaux e del Drome delle colline.
il chapon del Delfinato,
il coniglio d’aria piena,
il bue dei chambarans,
l’abomaso di chabeuil che è una piccola torta composta da fegato e di carni suine alle erbe fini.

I ravioles Specialità del Royans, il raviole è una pasta fresca al frumento tenero, farcita con contea, formaggio bianco fresco e prezzemolo. Presentata in targhe di 48 piccoli quadrati, cucina in 90 secondi in un brodo che freme e si gusta natura in accompagnamento.

Il tartufo, raccolto nello Tricastin, la valle di Drome o le pendenze di romanzi, il tartufo drômoise è ricercato per il suo profumo eccezionale potente e selvaggio L’ ulivo è il simbolo della pace, della gloria e della produttività. Il bordo delle cigales è in Drome provençal.
L’ OLIO D’ OLIVA di NYONS (prima ad avere ottenuto un’A.O.C.) è uno  » succo puro di fruit » , Favorirebbe la digestione, la crescita, allevierebbe i mali d’ stomaco. Possederebbe un potere antibiotico. La medicina gli riconosce la prevenzione degli incidenti cardiovascolari.

I FORMAGGI:
LA PICODON: Formaggio di capra piccolo palet circolare, a crosta fine e pasta omogenea,
il BLU del VERCORS SASSENAGE: pasta metà-morbida screziata di verde, morbidi, aroma di nocciole, al solo latte di mucca
la BANON: pasta morbida al latte di capra crudo ed intero.

I DESSERT:

LA NOUGAT DI MONTELIMAR: di colore bianco, tenero o duro, (zucchero, miele, vuoto d’ uovo, vaniglia, mandorle, pistacchi o frutta candita) o di colore nera, molto che sgranocchia, si compone di miele e d’ mandorle.

LA POGNE DI ROMANZI: Brioche alle uova aromatizzata al fiore d’ arancio o al rum. La sua origine risale al medioevo: alle grandi feste, un boulangère impasta questa farina con uova, burro, dello zucchero ed aromatizzò la sua pasta, da allora è sorta Pogne di romanzi.

LA SVIZZERA: biscotto sotto forma di guardia Svizzera, pasta insabbiata aromatizzato alle pelli d’ arancia, inventata a Valenza in occasione del decesso del papa Pie VI in esilio.

IL MIELE DI PROVENZA: (mieli di lavanda, di rosmarino, qualsiasi fiore…). Sono prodotti a partire dal nettare o dal miellat che gli api prelevano sulla flora provençale (fin dal mese di febbraio – marzo per il rosmarino) e tardiva (settembre – ottobre per la brughiera ad esempio).
Tilleur del barronie e del royan vercors per le infusioni. L’ olio essenziale di lavanda di alta Provenza.

 I VINI:
AOC QUOTE DEL RODANO: Villaggi/coste del Rodano regionali:
HERMITAGE: Questo vino rosso o signore bianco delle coste del Rodano, CROZES-HERMITAGE: Lo  » piccolo frère » di l’ Hermitage, VINSOBRES: Prima grande annata Côtes del Rodano, .AOC COTEAUX del TRICASTIN: AOC DEI VINI DI DIE: Pendenze di Die: vuoti di vuoti, a base di chiaretta: Scremando di Die e Clairette di Die, vini pétillants, ornamenti drômois, si servono a l’ aperitivo, pasto o dessert. AOC CHATILLON EN DIOIS: vini bianchi, vini rossi a base di gamay, Pinot Noir e syrah.

 APERITIVI E LIQUORI: Aperitivo, liquore alle noci, acquaviti di pere d’ Upie, d’ Anneyron e di Moras in Valloire. I liquori e gli sciroppi d’ Eyguebelle secondo entrate degli moines con piante da 1137.

ALPES DE HAUTE PROVENCE
– (Alpi del mercantour, verdon, e Alpi del vercors),

guide_pierrette_it.jpgAperitivi, vini liquori: pastis, vino d’ arancia, vino di noce, rinquinquin,… e dei digestivi: acquaviti, genziana, il génépi famoso ai profumi incomparabili.

gli sciroppi e succhi di frutta artigianale ai sapori delle Alpi e della Provenza. Il gusto acidulato e zuccherato della frutta nei diversi nettari: mela, pera, mela-fragola, mela-lampone…, l’ olio d’ oliva,

I FORMAGGI con divide in tomi
di BANON fabbricata a l’ ovest del piatto
di FORCALQUIER, a base di latte crudo di capra o di pecora, raffinata in strati secchi di castagna. d’ altri formaggi di pecora e di capre, volume fresca o secca, e formaggi di mucca, di cui la divide in tomi di l’ Ubaye e quella al génépi.

l’ agnello di Sisteron beneficia dell’etichetta rossa per la sua produzione ed il suo gusto.

PANE e CEREALI: La produzione di frumento duro (paste alimentari) e d’ spelta, cereale (viene da l’ antichità) una minestra a l’ spelta. il pane alle olive, alle noci, il pane artigianale, ed altre focacce riempite dei sapori dell’Alto-Provenza.

Il charcuterie, salaisons, torte e specialità (abomaso a l’ aglio e la torta tartufo). produzione di fegato grasso e degli allevatori d’ lumache.

Specialità a base di carne di pecora fra cui lo  » fumeton »
e « il pasticcio di fegato d’ agneau ».
Il reddito  » reine » gli  » piedi e paquets » , originario di SISTERON, esclusivamente a partire d’ agnello, François 1o s’ in délecta di passaggio a SISTERON in 1516.

la  » famosa; tartufo del PERIGORD » (tuber melanosporum) è soprattutto derivata dal terreno dell’Alpes de Haute-Provence.

Piante aromatiche e medicinali fra cui la lavanda fine. Il lavandin, ibrido della lavanda, è coltivato sul piatto di VALENSOLE senza dimenticare le erbe di Provenza timo, rosmarino, sariette ovunque presenti. Considerate per la produzione della frutta d’ inverno: mele e pere. Le confetture fanno parte della tradizione dell’Alto-Provenza.

Entrate originali a base di frutta secca, di frutta fresca o di miele, calissons, loro terricciati, le paste di frutta, i nougats bianchi o neri ed altre specialità a base di pasta d’ mandorla.

L’ apicoltura offre mieli di qualità: Il più apprezzato è il miele di lavanda. A gustare il miele di rosmarino tipico dell’Alto-Provenza ed il miele qualsiasi fiore. Numerosi produttori propongono del gelo reale, del nougat, un pane d’ spezia, di l’ hydromel ed anche…. una confettura al miele.

Il patrimonio gastronomique provençal:

per gli aperitivi:
i fiammiferi agli anchoix,
il caviale d’ melanzane,
il tapenade famoso o le tartine al formaggio di pecora!

entrate :
l’ anchoïade,
gli scampi fiammeggiati al pastis,
l’ omelette niçoise o i peperoni alle mandorle.

I piatti:
‘aioli famoso,
bouillabaisse,
gli flèques,
il cosciotto alla provençale,
il prosciutto provençal,
la faraona alle olive,
i rougets oursinado e la minestra al!

i dessert:
biscotins d’ Aix,
brioche dei re,
calissons d’ Aix,
chichi-frégi,
crespelle,
navette del Saint-Victor,
oreillettes e della pompa ad olio!

Necessità di conoscere questi piatti tipici,

guide_pierrette_it.jpgle edizioni P. FELOUX ha pubblicato: PRIMA GUIDA DIZIONARIO IN FOTOGRAFIE DEI PIATTI DELLE REGIONI FRANCESI.

 » La GUIDA di PIERRETTE »  » QUALE PIETANZA SCEGLIERE ? »

959 nomi e fotografie accompagnano le descrizioni, modo di preparazione e di cottura. TRADOTTO IN INGLESE, SPAGNOLO, TEDESCO, ITALIANO, FRANCESE.

Tutti gli ospiti gradiranno questo dizionario di formato di tasca, 276 pagine, con due dizionari per lettera alfabetica o per categoria di piatti.

Pratica, facile ed utile per conoscere i piatti della cucina francese. Turisti che preparavano il vostro viaggio in Francia, ecco il traduttore qu’ vi occorre. Più necessità di traduzione per trovare i piatti dei pranzi ai ristoranti.

La guida in un formato di tasca, pratica, facile con il suo dizionario di A a Z, utile con le fotografie che accompagnano la descrizione da 959 piatti. Questa guida voi serve per tutte le regioni della Francia.

Più difficoltà per trovare il piatto ed i prodotti alimentari che gradite. Trovate con facilità uno scherzo di vitello, è in fotografia e descrizioni, i piedi e pacchetti, l’ aioli, bouillabaisse ….. Comperare in diretta nel sito: www.cuisine-francaise.org.

Raggiungete gli utenti del mondo intero della guida, leggete i loro commenti nel sito: www.cuisine-francaise.org.

Con la serietà paypal, ricevete il libro, con una parola di l’ autore ed un piccolo regalo, prima di 5 giorni in Europa, e prima di 15 giorni nel resto del mondo.

Maisons della Francia a Londra in Regno Unito, in Irlanda, Belgio, in Spagna, Italia, Germania danno gli opuscoli di presentazione della guida.

Maison della Francia in Belgio a Bruxelles, ed in Spagna a Madrid e Barcellona, vende la guida. Alcuni uffici di turismo vendono la guida. Trovate gli indirizzi dei punti di vendita nel sito: www.cuisine-francaise.org

Gara di realizzare alcune entrate, è nel sito. Grandi capi stellati francesi danno spesso le loro entrate.

A PRESTO NEL SITO DELLA GUIDA: ; www.cuisine-francaise.org

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Vous pouvez utiliser ces balises et attributs HTML : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>